lug 18, 2022

Tutti pazzi per la sostenibilità…anche in vacanza?

 

L’app Junker ha lanciato il più vasto sondaggio mai effettuato in Italia sul rapporto tra italiani e sostenibilità delle vacanze: coinvolte 40mila persone in tutta Italia, ecco cosa abbiamo scoperto

Sostenibilità, tra tutte le parole della nuova coscienza ambientalista è di gran lunga la più corteggiata. Se la digitiamo su Google restituisce 80 milioni di risultati. È seconda solo ad ambiente, ma molto più avanti di impatto climatico o cambiamento climatico, che insieme superano di poco i 20 milioni di risultati.

E ormai sappiamo anche molte cose sulla sostenibilità: che non è solo ambientale, ma anche economica e sociale. Che fa vendere molto di più (come conferma il nuovo Codice dei Consumi appena pubblicato da GS1, IPSOS e McKinsey): basta sbandierare l’impegno di un brand, di un prodotto, di un imballaggio ad essere più sostenibile (anche laddove è solo greenwashing). Che sta ispirando la nostra vita quotidiana e le nostre abitudini: siamo diventati un popolo di virtuosi della differenziata e del riciclo, stiamo abbandonando le bottigliette di plastica a vantaggio della borraccia personale, etc.

Ma quello che non sappiamo è ancora moltissimo, ad esempio: la sostenibilità viene in vacanza con noi? Teniamo conto di parametri di sostenibilità per scegliere alloggi, mezzi di trasporto, attività, alimentazione?

Il sondaggio

L’app Junker, forte di una community di oltre due milioni di utenti, sensibili ai temi dell’economia circolare, del riciclo e della sostenibilità e distribuiti in tutta Italia, li ha sollecitati con un sondaggio specifico. Scoprendo in sostanza che alle buone intenzioni, poi purtroppo non seguono i fatti. E non solo per colpa degli utenti.

Vediamo innanzitutto il campione: 10.625 hanno completato il sondaggio, di cui il 59% donne. Le fasce d’età sono così distribuite: 4,3% fino ai 25 anni (per il tipo di domande, il questionario era destinato a un target adulto, decisore e con capacità di spesa), 23% 26-45 anni, 53% da 46 a 65 anni e infine 19% over 65. Quest’ultimo dato è molto interessante perché, mentre dai giovanissimi ci si aspettano scelte più sostenibili anche in tema di viaggi, il target maturo era finora totalmente inesplorato.

Gli aspetti principali della sostenibilità in vacanza hanno per i partecipanti pesi più o meno equivalenti: il mezzo di trasporto scelto (57,8%), l’alimentazione (54,9%), le attività organizzate sul territorio (44,9%) e l’alloggio (44%). E hanno considerazioni degne di nota anche la raccolta differenziata e l’attenzione ad acquistare prodotti con packaging ridotti (evidentemente abitudini della propria vita quotidiana portate in vacanza).

Ben il 73,5% si dichiara molto impegnato a rendere la propria vita in generale più ecosostenibile, e un notevole 86,5% sostiene che il suo impegno per la sostenibilità prosegue anche in vacanza. Ci sono però risultati sorprendenti in relazione a queste affermazioni iniziali.

Host e strutture ricettive

Se andiamo ad approfondire, ad esempio, il tema dell’alloggio, che è l’aspetto su cui si concentra maggiormente il sondaggio della piattaforma, il 63% dei rispondenti (circa 6700) è pronto a tenere in considerazione la sostenibilità dell’alloggio nella scelta per le proprie vacanze. Di questi, il 38,8% sarebbe disposto addirittura a pagare un 5-10% in più per alloggi realmente sostenibili. Poi però il 40,9% del target non sa rispondere alla domanda se effettivamente la struttura ricettiva presso cui ha alloggiato fosse o meno ecosostenibile.

Ma cosa si aspettano da una struttura che si definisce ecosostenibile? In primis, bidoni per la differenziata (86,4%), poi l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile (65,9%) e regolatori di flusso per i rubinetti (45%). Meno considerati i prodotti sfusi/km zero offerti durante i pasti (32,3%) e i dispenser per shampoo, sapone, etc. (29,5%).

Scaviamo un po’ nel meccanismo di scelta dell’alloggio: gli annunci menzionano gli aspetti di sostenibilità? La sorpresa è che, secondo il campione, solo il 10,8% degli annunci contiene info sulla sostenibilità, mentre ben il 44% li menziona raramente o mai.

Ecco dove è il gap: la sostenibilità non è ancora un driver dell’offerta di alloggi. A differenza dei prodotti di largo consumo, per la vendita di soggiorni non è infatti percepita come un fattore di competitività. Il 64% del campione usa piattaforme online per prenotare i soggiorni, un dato interessantissimo se consideriamo l’età media piuttosto alta dei partecipanti, e quanto l’equazione digitale-sostenibilità sia diffusa in rete. Eppure né le piattaforme né gli host sembrano aver ancora fatto questo scatto mentale.

E quella piccola percentuale di annunci (10%) che menziona elementi di sostenibilità, ha mantenuto la selling proposition? Circa il 35% dei rispondenti afferma che l’annuncio rispecchia effettivamente le reali condizioni della struttura, mentre il 63% dice solo in parte. Quindi sembra proprio che, anche ove sia considerata dagli host come fattore competitivo, la sostenibilità sia per oltre metà delle volte niente altro che greenwashing.

Le certificazioni

Gli host seriamente impegnati nella sostenibilità sono molti e sono raccolti sotto certificazioni turistiche green e in piattaforme a dichiarata vocazione green. Gli italiani le conoscono?

Tra le certificazioni green più conosciute ci sono Legambiente Turismo (44,2%) e Associazione Italiana Turismo Responsabile (21,5%), meno conosciute sono Eco Bio Turismo Icea (5,7%) e Travelife (5%). Alcuni rispondenti hanno anche segnalato di conoscere piattaforme green su cui prenotare alloggi sostenibili, come Fairbnb, Goodtravel, Ecobnb. Ma il dato più interessante è tuttavia che ben il 42,7% non conosceva nessuna di queste certificazioni!

Sostenibilità in vacanza? No grazie!

E quella parte del campione che invece non considera la sostenibilità dell’alloggio un fattore rilevante? Sono quasi 4mila (3939 per la precisione) e il 69,2% di loro si concentra soprattutto sulla praticità/economicità dell’alloggio.

Il 55% afferma di non considerare il criterio della sostenibilità perché è oggettivamente difficile trovare alloggi che possano essere riconosciuti e definiti come sostenibili. Non manca chi non vuole pensare a nulla durante una vacanza, neanche alla sostenibilità della struttura ricettiva (9%), e chi invece è influenzato dalla compagnia con cui viaggia (7,7%).

Concludiamo con il “dato della speranza”: l’88% del totale concorda che la sostenibilità di una struttura ricettiva debba essere uno standard generalmente valido e non l’eccezione e che un host attento a questo aspetto sia di buon esempio per i propri ospiti. E il 75,8% si è sentito almeno una volta a disagio quando non ha avuto a disposizione i bidoni per fare la raccolta differenziata nella struttura dove alloggiava, che davvero ci sembra il dato minimo della sostenibilità di un alloggio.

Noemi De Santis, co-founder di Junker app, afferma: “Siamo molto soddisfatti dalla partecipazione entusiasta di tutte le classi di età al nostro sondaggio, soprattutto dalle classi senior, per le cui risposte eravamo piuttosto curiosi. Il dato che ci ha stupito è il notevole gap emerso tra le intenzioni di sostenibilità, per così dire, dei villeggianti e la loro reale applicazione. Soprattutto emerge una quasi totale mancanza di cultura della sostenibilità dal lato dell’offerta, che quindi non riesce a incontrare la propensione della domanda. Il nostro invito ad enti e stakeholder turistici è quello di promuovere con più decisione gli aspetti di sostenibilità, per andare incontro a una domanda crescente, abbracciando e cavalcando i nuovi modelli di consumo virtuosi e allo stesso tempo fare bene all’ambiente. Probabilmente è arrivato il momento di aggiungere la stellina della sostenibilità alle valutazioni degli alloggi!”

 
ott 4, 2022

Compost a casa: è facile con Junker!

Pronti per fare un compostaggio domestico di qualità, con la nuova Guida di Junker La raccolta dell’umido organico rappresenta in…

bioplastica organico
set 19, 2022

Imballaggi in bioplastica? Chiedilo a Junker!

Junker app collabora con il consorzio Biorepack per imparare a riconoscere e valorizzare gli imballaggi in bioplastica compostabile e certificata…

lug 11, 2022

Questo luglio è #plasticfree o #singleusefree?

In occasione della campagna Plastic Free July, Junker vuole riposizionare l’attenzione sulla lotta alla plastica monouso L’iniziativa, partita nel 2011,…